Trasportava clandestini, mandato d’arresto europeo per un 34enne residente a Montescaglioso

Mandato d'arresto europero per un 34enne residente a Montescaglioso, accusato di aver ricevuto denaro per favorire l'ingresso in Slovenia di 11 clandestini pakistani.ni.
Arrestato un 34enne residente a Montescaglioso, accusato di aver ricevuto denaro per favorire l'ingresso in Slovenia di 11 clandestini pakistani.
Mandato d’arresto europero per un 34enne residente a Montescaglioso, accusato di aver ricevuto denaro per favorire l’ingresso in Slovenia di 11 clandestini pakistani.

MONTESCAGLIOSO – La polizia di Stato di Matera, nella nottata del 26 aprile, al termine di un’articolata attività, condotta in collaborazione con i collaterali uffici di polizia sloveni, ha tratto in arresto un 34enne di Matera, residente a Montescaglioso. In particolare, la squadra mobile ha individuato il soggetto, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, resa esecutiva dalla Corte d’Appello di Potenza, su richiesta del Tribunale distrettuale di Capodistria (Slovenia).

L’operazione rappresenta il tangibile esempio di una sinergica cooperazione internazionale di polizia, che ha permesso di appurare come l’uomo, nel mese di ottobre 2018, agendo all’interno di una strutturata organizzazione criminale, abbia ricevuto cospicue somme di denaro, al fine di favorire l’illecito ingresso nel territorio sloveno di 11 soggetti di nazionalità pakistana, privi di qualunque autorizzazione.

All’uomo, le autorità slovene contestano, inoltre, di aver trasportato i clandestini in condizioni disumane, tali da porre in pericolo la vita e la salute degli stessi. Rendendosi così responsabile del reato di attraversamento illecito di confine o territorio di Stato, punito dal codice penale sloveno con una pena da 3 a 15 anni di reclusione. Considerato il rischio concreto che potesse rendersi irreperibile, l’indagato, rintracciato presso la propria abitazione, è stato quindi condotto presso il carcere di Matera. Adesso è a disposizione dell’Autorità giudiziaria, per le successive fasi di estradizione in Slovenia.

Leggi anche:

Il punto di vista di Nino Grasso – Le menzogne di Bardi sul deficit 2023 e il gioco delle tre delibere per evitare il commissariamento della sanità