Trasporti, il Cotrab pungola la Regione: “Nuove esigenze? Ci avvisino per tempo”

POTENZA- Il Cotrab non vuole fare la fine del barile con gli asini che litigano tra di loro.

Per difendere la propria condotta, ha inviato una dura lettera alle due Province e per conoscenza alla Regione e ai Sindacati, affermando che il “consorzio non ha mai confuso i ruoli tra Ente affidante e soggetto gestore” e che “le Ordinanze del Presidente della Regione, sono state da noi attuate nei modi e termini indicate nelle stesse.

Per quanto attiene la così detta Fase 2 – consigliamo alla Regione di predisporre atti che responsabilizzino gli Enti Affidanti e non i gestori dei servizi che dovranno esclusivamente attuare quanto “ordinato” nel rispetto dei vari Dpcm – Ordinanze – Protocolli ed indirizzi sin qui attuati. Quanto ai dati inerenti la Fase 1 confermiamo indici di frequenza prossimi allo zero ed appena terminata sarà nostra cura rendicontare nei tempi e modi previsti nei contratti da voi unilateralmente prorogati. Qualora per la Fase 2 – conclude il Consorzio del Trasporto Locale – vi fossero nuove e diverse esigenze di organizzazione dei servizi rispetto a quanto previsto dal Presidente Bardi, vi saremmo grati di conoscerle con ragionevole anticipo onde consentirci di rivedere i turni di lavoro senza pregiudicare la sicurezza sanitaria delle risorse umane nostri dipendenti in uno alla disponibilità del parco mezzi”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”