Treni, poche novità e vecchie criticità: dal 10 giugno stop per lavori sulla Potenza-Battipaglia e Foggia-Potenza

POTENZA – Tra qualche gradita novità (soprattutto per gli amanti della costa jonica lucana) e vecchie criticità, l’estate dei viaggiatori in Basilicata, come già avvenuto lo scorso anno, non sarà di certo agevole. I previsti lavori di manutenzione sulla linea Battipaglia-Potenza-Taranto e sulla Foggia-Potenza condizioneranno non poco il trasporto ferroviario durante il periodo estivo. Dal 10 giugno all’8 settembre, infatti, non ci sarà il Frecciarossa diretto da Potenza a Roma e nessun treno che possa garantire agli utenti di raggiungere le grandi città del Centro-Nord senza effettuari dei cambi. Queste le conseguenze principali dei lavori di manutenzione previste su entrambe le tratte.

Per quanto riguarda la linea Battipaglia-Potenza-Taranto gli interventi sul tratto lucano riguarderanno le stazioni di Picerno e Bella-Muro con interventi di ammodernamento che dovrebbero consentire un guadagno di circa dieci minuti sui tempi di percorrenza secondo le stime di Trenitalia. Sulla tratta Foggia-Potenza, invece, convogli fermi per consentire i lavori di elettrificazione che riguarderanno il tratto tra Rocchetta e Melfi, con i disagi che in questo caso si protrarranno fino alle porte del prossimo inverno, ovvero fino al 14 dicembre 2024. In entrambi i casi saranno attivati dei pullman sostitutivi da parte di Trenitalia. A fare da contraltare a quella che si preannuncia come l’ennesima estate di “passione” per i viaggiatori lucani e i turisti che sceglieranno la nostra regione, ci sono alcune gradite novità che consentiranno proprio di migliorare l’accessibilità di alcune delle mete turistiche principali della nostra regione come Matera e Maratea, nell’ambito della Summer Experience, la nuova offerta di Trenitalia per l’estate 2024 che entrerà in vigore nel secondo week end di giugno, ovvero sabato 9. Annunciata nello scorso mese di marzo marzo, la rivoluzione dei treni ibridi in Basilicata consentirà di incrementare il parco mezzi su ferro, storicamente oggetto di lamentele. I nuovi treni acquistati con fondi Pnrr rafforzeranno l’offerta Intercity lungo la costa jonica. E proprio sul versante materano che si ripristinano anche a distanza di dieci anni importanti fermate. Verrà infatti riproposto il collegamento tra Taranto e Sibari con quattro corse dell’annunciato Magna Grecia Line, con fermate a Metaponto, Scanzano Jonico, Policoro, Nova Siri. Ma si circolerà soltanto il sabato e la domenica. Sul versante opposto, Maratea, ancora priva della Ss 18, godrà di quattro coppie di Intercity, Frecciarossa e Frecciargento. Per Matera, invece, in attesa del completamento della tanto attesa Matera-Ferrandina previsto per il 2026 torna il collegamento del Freccialink con l’autobus diretto per chi arriva in Frecciarossa a Salerno. A livello nazionale il nuovo piano estivo consentirà di raggiungere oltre 700 destinazioni turistiche. Nel dettaglio, l’offerta estiva prevede quotidianamente più di 270 Frecce, per oltre 130.000 posti offerti. Intercity e Intercity Notte viaggeranno verso più di 230 città (70 le mete estive). I 6.000 treni al giorno del Regionale raggiungeranno in modo capillare oltre 1.700 destinazioni, di cui 500 a vocazione turistica. Le Frecce e i Freccialink (si aggiungono 30 corse bus, collegano più di 100 destinazioni in tutta Italia. La tratta Milano-Roma, collegamento business per eccellenza, è garantito d a 100 treni al giorno (9 quelli non stop under 3 ore).