Truffa aggravata nei confronti di una coppia di anziani, sequestrati beni per 1 milione di euro

RIONERO IN VULTURE- Investimenti finanziari per incrementare la produttività della propria pensione e di quella di sua moglie. Con queste motivazioni un uomo di 71 anni di Rionero in Vulture sarebbe stato tratto in inganno e soggiogato da tre individui del posto, nei cui confronti il gip del tribunale di Potenza ha disposto la misura cautela reale. I tre devono rispondere, a vario titolo, di truffa aggravata, circonvenzione di persone incapaci, autoriciclaggio e tentata estorsione. Il totale delle somme sottratte ai due coniugi, sottoposte a sequestro ammonta a 1 milione di euro. Le indagini sono partite nel febbraio del 2017 quando l’anziano denunciò l’accaduto ai carabinieri della stazione locale, riferendo non solo di essere stato soggiogato con la prospettiva dell’investimento ma anche di essere stato spinto successivamente a continui versamenti sino al completo svuotamento del suo conto corrente. Inoltre l’uomo è stato indotto a chiedere un finanziamento di 12mila euro e successivamente ad accedere ad un mutuo ipotecario di 55mila euro sulla sua abitazione, nonché a vendere l’auto di sua proprietà. Infine uno dei tre indagati, Barbetta era riuscito a indurre i due anziani a intestare tutti i loro bene a favore della moglie a condizione che la donna li assistesse fino alla morte.