Truffa all’Inps per 3,3 milioni di euro e bancarotta: in quattro finiscono ai domiciliari

METAPONTO – A partire dal 2010 avrebbero costituito ed utilizzato 17 imprese, intestate a soggetti prestanome per creare centinaia di fittizi rapporti di lavoro per ottenere dall’Inps indennità di disoccupazione, malattia e maternità per circa 3,3 milioni di euro nell’ambito della normativa prevista per la manovalanza del settore agricolo. La maxi-truffa ai danni dell’ente di previdenza è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Metaponto che ha arrestato 4 persone al termine delle indagini coordinate dalla procura di Matera.

I finanzieri hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari disposta dal gip del tribunale della città dei Sassi. Gli inquirenti sono convinti di aver sgominato una vera e propria associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata e alla bancarotta documentale. I quattro arrestati sono tutti residenti in provincia di Taranto, ma avevano creato molte delle società fittizie nella zona del Metapontino. Nella maggiorparte dei casi, infatti, sebbene fossero state regolarmente costituite, le società risultavano assolutamente prive di consistenza e sostanzialmente inattive.