Turismo, Basilicata “poco sicura”. Ecco i danni del “liberi tutti”

POTENZA – La vacanza in Basilicata è percepita “poco tranquilla e rilassante” e, tra tutte le altre destinazioni regionali, la “meno sicura” sul piano emergenza sanitaria.

Il “verdetto” è dell’Osservatorio Italiano Jfc delle Destinazioni Balneari che ha realizzato un’autentica classifica delle località turistiche che in questa difficile estate possono avvantaggiarsi di immagine positiva per rassicurare i vacanzieri. Due le categorie in cui si distingue il report: la tranquillità e la sicurezza dal contagio Covid-19.

Nella prima categoria la Basilicata si classifica ottava con 895 punti (prima la Sardegna con 2.302 punti e ultimo il Molise con 541). Difficile da “digerire” per i nostri operatori turistici che ce la stanno mettendo tutta per recuperare la stagione è la seconda – “sicurezza” – con la Basilicata ultima con 544 punti (prima ancora la Sardegna con 1.560 punti). Solo Maratea si salva piazzandosi a metà classifica tra le destinazioni percepite con “maggiore sicurezza sanitaria” (312 punti) con Rimini prima a 1.109 punti e ultima Caorle con 151 punti. Nonostante come tutte le indagini anche questa ha alcuni punti limite se non altro di metodologia restano le criticità evidenziate tenuto conto che se negli anni scorsi per una meta sul mare era importante essere trendy oppure low cost o ancora all’avanguardia nei servizi offerti, nell’estate dopo il lockdown è cambiato tutto.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Arturo Giglio