Turismo, cominciano a riempirsi gli alberghi di Maratea

MARATEA – Primi arrivi turistici soddisfacenti e prime prove di vacanza “normale” a Maratea.

Questo fine settimana ha segnato il ritorno di famiglie, coppie, mini-gruppi da Roma, Milano, Salerno, Taranto, Bari, Catanzaro e persino dalla Svizzera. Alcune strutture alberghiere – come per l’Hotel-Ristorante Borgo La Tana di Castrocucco – hanno raggiunto il 60% della disponibilità di camere e alloggi. Un risultato del tutto insperato per la grande incertezza che caratterizza la vacanza degli italiani a giugno.

“Sarà difficile, se non impossibile, recuperare le 50mila tra presenze ed arrivi di giugno 2019, di cui poco meno di 10mila stranieri, ma – commenta Biagio Salerno, albergatore e presidente del Consorzio Turistico Maratea – almeno questo fine settimana ci ripaga di tante amarezze. E’ soprattutto la soddisfazione degli ospiti che ci incoraggia per il prosieguo di una stagione che resta incerta”. I turisti all’arrivo non hanno nascosto un atteggiamento di precauzione. Poi di fronte alle misure di sicurezza, alla rigida applicazione dei protocolli, si sono “sciolti”. Sono prevalse la voglia di uscita dalle città, di mare, libertà con quella di rilassarsi, dimenticando il lungo periodo di lockdown. Molti sono ospiti di ritorno anche se non mancano nuovi arrivi. Qualche differenza dalla vacanza 2019 è stata accolta senza difficoltà come la prima colazione non più ad ampio buffet che era una delle caratteristiche più apprezzate dai clienti del Borgo La Tana.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”