Valbasento, a rischio 37 operai della Brianza Plastica: si muovono deputati e sindacati

FERRANDINA – Riguarda da vicino anche la Basilicata la vertenza della Brianza Plastica e in particolare la sede di Ferrandina. Nelle ultime ore l’on. Anzaldi ha presentato una interrogazione inviata al Ministro dello Sviluppo Economico. Il testo è stato diffuso da Maurizio Girasole, segretario generale Filctem Cgil Matera, il quale ha annunciato che la sigla sindacale che rappresenta nelle prossime ore, in un percorso unitario con Cisl e Uil, metterà in campo tutte le azioni di lotta per avere il tavolo ministeriale e chiederà al prefetto di Matera la convocazione di un tavolo al fine di evitare un “collasso” dell’intera area Valbasento nella zona industriale di Ferrandina. Va detto che di recente era stata già proposta un’interrogazione che però non aveva ricevuto risposta da parte del Governo. La società Brianza Plastica spa con sede legale in Carate Brianza ha un impianto presso l’area industriale della val Basento in territorio di Ferrandina dove occupa 37 addetti. Per la sede di Ferrandina che si occupa di produzione di sistemi di coibentazione e isolamento per edilizia industriale e residenziale, un settore afflitto da una grave e perdurante crisi congiunturale che ne ha contratto il volume di domanda, sono state avviate procedure per il licenziamento di 9 unità.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”