Verso la riapertura delle scuole a Potenza: 550mila euro per la didattica in presenza, slitta il servizio mensa, trasporti ok

POTENZA- La frequentazione scolastica in presenza resta un punto fermo per l’amministrazione comunale di Potenza. Ribadito anche ieri dall’assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco, Vigilante, e dall’assessore alla Pubblica istruzione, Sagarese, durante l’incontro con i dirigenti degli Istituti comprensivi del capoluogo. In queste settimane – è stato evidenziato – si è lavorato sulle carenze strutturali dei plessi cittadini. Gli interventi hanno riguardato 35 plessi nei quali sono stati totalmente riorganizzati gli spazi, anche abbattendo le pareti divisorie.

L’incontro tra Comune e dirigenti scolastici al centro sociale di Malvaccaro a Potenza

Come puntualizzato dalla dirigente Marsico del Comprensivo “Milani”, per gli studenti della media Bramante, collocati al terzo piano del centro commerciale “Galassia”, previste misure che consentono l’accesso in sicurezza, tra cui la separazione degli ingressi e delle uscite con percorsi dedicati. Predisposto un servizio navetta dalla sede centrale dell’istituto.

«Per i lavori di adeguamento dei plessi – sottolinea Vigilante – sono stati stanziati complessivamente 550mila euro. Sulla consegna dei banchi scontiamo qualche ritardo». Spostate sei sezioni, per un totale di 137 bambini della scuola dell’infanzia dell’IC Torraca – Bonaventura, da viale Marconi alla struttura di via delle Acacie. Sagarese ha garantito l’avvio del trasporto scolastico in sicurezza, con il supporto del personale agli allievi con disabilità. Non partirà da subito il servizio mensa.

(maggiori dettagli sull’edizione cartacea della Nuova del Sud in edicola oggi, marcoledì 16 settembre)