Vertenza Cmd, nuovo presidio ad Atella. E la Cgil incalza la Regione

ATELLA – Non riescono ancora a capacitarsi della brutta piega che la loro vertenza ha preso.

Appena una settimana fa, in Regione, la Cmd ha deciso di abbandonare il tavolo convocato dall’assessore Cupparo, lanciando segnali inequivocabili, in merito alla volontà di disattendere quell’accordo raggiunto l’anno scorso proprio in viale Verrastro.

Intesa che prevedeva la ricollocazione dei 14 lavoratori licenziati l’anno prima a novembre. Ieri gli interessati hanno raggiunto i cancelli dello stabilimento di Atella per inscenare un nuovo presidio. Al loro fianco anche Emanuele De Nicola della Nidil-Cgil. “Riteniamo grave che la Cmd non abbia rispettato l’accordo del 30 ottobre 2019 sottoscritto in Regione Basilicata per la ricollocazione di questi lavoratori, che avevano tutto il diritto dopo anni di precarietà – afferma De Nicola – di essere stabilizzati in questa azienda. I lavoratori dovevano essere ricollocati da gennaio, ma l’azienda ha disatteso tutti gli accordi”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo