13 Dec 2019
BREAKING NEWS
Home / Potenza e Provincia  / Viggiano, inaugurato l’hospice da sette posti letto

Viggiano, inaugurato l’hospice da sette posti letto

VIGGIANO – Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi e l’assessore regionale alla Sanità, Rocco Leone hanno partecipato ieri, a Viggiano, alla cerimonia di apertura dell’Hospice “Il Mandorlo”, struttura sanitaria residenziale dedicata all’assistenza e al ricovero temporaneo di pazienti affetti da patologie progressive in fase avanzata a rapida evoluzione. “Esprimiamo grande soddisfazione, perché andiamo a garantire un servizio importante a cittadini che vivono momenti particolari della loro vita”, ha detto l’assessore Leone, a margine dell’evento di inaugurazione della struttura, attivata grazie ad un accordo tra la giunta regionale, l’Asp e l’Associazione nazionale tumori (Ant). “Un ringraziamento particolare – ha proseguito l’esponente dell’esecutivo regionale – va al sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala, che con impegno e passione ha dato il suo importante contributo per far sì che si arrivasse ad inaugurare un’opera attesa da tanti anni. Oggi l’Hospice è una realtà a servizio del nostro territorio, a disposizione dei cittadini della Val d’Agri e di parte della provincia di Potenza. All’interno dell’istituto – ha spiegato l’assessore Leone – saranno assistite persone che soffrono di patologie particolari, sarà applicata anche la terapia del dolore. In Basilicata ci sono altre tre strutture di questo genere, ma non basta. A Matera, ad esempio, non esiste un Hospice di questo genere. Il nostro obiettivo è quello di irrobustire questa rete, perché i malati oncologici purtroppo aumentano. Dobbiamo cercare di migliorare la qualità della vita dei cittadini in sofferenza, nell’ottica del rafforzamento del sistema sanitario locale e per mettere di nuovo al centro il cittadino”. La struttura di Viggiano, attraverso Ant, fornisce al territorio della Val d’Agri e della Provincia di Potenza, prestazioni di tipo medico, infermieristico, di recupero funzionale, di assistenza psicologica ed igienico-sanitaria. Lo staff sarà composto da un medico, sei infermieri, sei oss, un terapista della riabilitazione, uno psicologo e un assistente sociale. L’ammissione in Hospice dei pazienti sarà valutata di volta in volta dalla Asp insieme al medico referente della struttura, con cui verrà elaborato il Piano Individuale di Trattamento. L’accordo prevede un rimborso massimo per Ant, da parte di Asp di Potenza, di 679.630 euro annui.